Antoni Gaudi è il protagonista del Google doodle di oggi

La Sagrada Familia, l'opera più grande di Gaudí, verrà completata solo nel 2026

Prosegue la simpatica e particolarmente apprezzabile iniziativa dei Google doodle, la sostituzione da parte del motore di ricerca del logo colorato con alcune immagini – o spesso anche prodotti interattivi – per ricordare eventi, anniversari o celebrazioni locali o universali.

Quest’oggi, Mountain View ha voluto omaggiare la figura di Antoni Gaudí, il geniale architetto spagnolo che progettò, tra le altre, la Sagrada Familia, nell’occasione del 161° anniversario della nascita. Nato il 25 giugno 1852, fu coinvolto sin da giovane nel cosiddetto Rinascimento catalano, o Renaixença, un moto di sollevazione popolare e culturale che mirava a recuperare l’identità catalana “cancellata” dal dominio madrileno lungo il corso della storia.

Gaudí, diplomatosi molto giovane alla Scuola di architettura, fu incaricato dal vescovado dei lavori per la nuova cattedrale barcellonense a soli 31 anni. Un’opera faraonica, lontana da tutti gli stili che la storia aveva proposto sino ad allora, e che per la sua imponenza e straordinarietà non verrà completata prima del 2026, secondo gli ultimi piani, ma che nel frattempo funge già da Basilica minore, come stabilito da Benedetto XVI nella sua visita del 2010.

Nel frattempo, questa mente geniale lavora a numerosi altri incarichi, iniziando a “infestare” la capitale della Catalogna con il suo stile rivoluzionario, frutto di una mescolanza tra le caratteristiche del mudejar, lo stile che i saraceni avevano portato in Europa fino al XV secolo, e quelle dell’azulejo, una tecnica di lavorazione a piastrelle tipica della tradizione portoghese.

Sorgono così il Parque Guëll con il suo Palacio, la Casa Vicens, la Casa Batló e numerose altre opere, capolavori di stile e colori che hanno segnato in maniera inconfondibile la planimetria e l’aspetto di Barcellona, una città legata a stretto giro con Gaudí, che proprio dai barcellonesi venne definito, dopo la sua morte, l’architetto di Dio.

Una leggenda che permane tuttora, e che viene portata avanti da coloro che, faticosamente e pedissequamente, tentano di completare il progetto della “sua” Sagrada Familia, una luminosa casa del Signore alla quale Antoni Gaudí ha dedicato gli ultimi quarant’anni della sua vita, e che sebbene non ha mai potuto vedere completata, costituisce la sua eterna memoria.

Stefano Maria Meconi

@_iStef91

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews