Ambiente, migliora la qualità delle acque in Europa

Con l'estate in arrivo, è bene sapere quali sono le acque più adatte per le vacanze

Copenaghen – Buone notizie quelle che arrivano da Copenaghen, dove ha sede l’Agenzia europea dell’ambiente. I dati relativi alle acque di balneazione lungo tutti i paesi europei hanno subito un costante miglioramento, grazie alle numerose iniziative di contrasto all’inquinamento, e al miglioramento dei sistemi per il trattamento delle acque reflue.

In particolare, il commissario all’Ambiente Janez Potočnik ha voluto sottolineare che, a fronte degli ottimi risultati raggiunti, «Occorre comunque fare ancora di più se vogliamo che tutte le nostre acque siano potabili e adatte alla balneazione e che gli ecosistemi acquatici godano di buona salute». Parole confermate dalla direttrice esecutiva dell’Agenzia, McGlade, per la quale «la qualità delle acque di balneazione è ottima, ma ci sono zone dove i problemi di inquinamento persistono».

Ad essere premiate dall’Europa sono state le acque di Cipro e Lussemburgo, gli stati europei più piccoli, che registrano una qualità delle acque balneabili pari al 100%, ovvero totale. Sopra il 90% si assestano Malta, Croazia e Grecia, e sopra l’80% Germania, Portogallo, Italia, Finlandia e Spagna. Per l’Italia, la percentuale di acque adatte alla balneazione è dell’85%, più della Spagna, altro paese a forte vocazione “balneare”.

Fanalino di coda sono Belgio, Regno Unito e Paesi Bassi, dove molte spiagge sono state chiuse nel corso del 2012 a causa dell’inquinamento, causato da avverse condizioni ambientali e da una maggiore predisposizione al traffico marittimo industriale. In generale, una qualità di balneazione “scarsa” è stata registrata nel 2% delle spiagge, laghi e mari europei. Le percentuali variano dall’81% di acque “eccellenti” nei mari, al 72% di fiumi e laghi (rispetto a un 95 e 91% di acque dai requisiti minimi, ovvero accettabili).

Tutti i 27 Stati dell’Unione Europea, entro il dicembre del 2014, dovranno recepire la direttiva 2006/7/EC sulla qualità e il mantenimento delle acque a uso balneare. Ad essi, si aggiungono Croazia e Svizzera, che partecipano al monitoraggio delle acque.

Stefano Maria Meconi

@_iStef91

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews