Allarmismi affrettati per l’influenza suina

L’OMS ha sfatato recentemente alcuni allarmismi legati all’influenza A H1N1

di Giovanna Miceli

siringaNei giorni scorsi è stata diffusa dai mass media la notizia che il virus della pandemia A H1N1 si fosse mutato. A lanciare l’allarme in tutto il mondo un gruppo di ricercatori norvegesi dopo l’individuazione della mutazione in un gruppo di 3 pazienti affetti da influenza suina, di cui 1 caso mortale e gli altri 2 severi.

Ultimamente, anche in Francia è stata individuata la mutazione del virus su 2 pazienti francesi deceduti dopo essere stati contagiati. Molta preoccupazione ha fatto seguito naturalmente a tale comunicazione tanto da allarmare non solo l’opinione pubblica ma anche ricercatori e scienziati.

La mutazione in questione sembra aver modificato una proteina sita sulla superficie del virus, l’emoagglutinina HA, permettendogli così di legarsi ad una molecola, l’acido sialico, presente sulle cellule dei polmoni.

Il timore è che il virus ora sia divenuto più pericoloso nell’aggredire le cellule polmonari umane. Ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ultimamente calmierato i toni, dichiarando che non vi è ad oggi alcuna evidenza che la mutazione stia realmente determinando un aumento della mortalità per influenza suina.

L’OMS ha anche confermato che la stessa mutazione è stata riscontrata in altri casi di pazienti affetti da H1N1 in Brasile, Cina, Giappone, Messico e USA e che si è verificata sia in casi a decorso lieve che in casi a decorso severo dell’influenza.

Quindi, al momento non bisogna cedere a facili allarmismi mediatici ma piuttosto attenzionare l’espansione della pandemia con la giusta cautela.


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Allarmismi affrettati per l’influenza suina

  1. avatar
    Sè... 29/11/2009 a 14:52

    E’ vero purtroppo x adesso si creano facilmente degli allarmismi. speriamo di riuscire a superare anche questa. Forse l’influenza stagionale ha fatto più vittime di quella suina, ma la novità fa sempre gola a tutti e quindi si cerca di enfatizzare.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews