Allarme batteri: sempre più resistenti agli antibiotici

Il batterio Klebsiella Pneumoniae

Il batterio Klebsiella Pneumoniae

Oggi si celebra la Giornata europea degli antibiotici 2011, ma  brutte notizie giungono dal rapporto di sorveglianza dell’Ecdc e dell’Istituto Superiore di Sanità, che gettano l’allarme sulla resistenza dei batteri proprio a questi medicinali , in particolare a quelli “ultima risorsa”.

In Italia la più grande preoccupazione riguarda i ceppi di Klebsiella pneumoniae, batterio responsabile delle infezioni alla mucosa e alle vie respiratorie (ma anche all’intestino). Generalmente curabile con le consuete terapie farmacologiche, può tuttavia tramutarsi in un serio problema, soprattutto secondo quanto affermato dagli esperti: la resistenza della Klebsiella Pneumoniae sta infatti crescendo in modo preoccupante e spesso l’uso dei farmaci (come ad esempio quelli che appartengono al gruppo carbapenem) stanno diventando sempre più inefficaci.

Il rischio più grande riguarda proprio gli antibiotici “ultima risorsa“, utilizzati negli ospedali come risorsa finale e solo in casi estremi. le struttre ospedaliere infatti non hanno a disposizione molteplici tipologie di questi farmaci, e questo limita di gran lunga, a danno del paziente, la possibilità di una cura efficace.

Adriano Ferrarato

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Allarme batteri: sempre più resistenti agli antibiotici

  1. Pingback: Troppi antibiotici: batteri sempre più resistenti – Il Salvagente | Italia - iWooho.com

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews