Al via la seconda udienza sul sequestro Ilva

TARANTO – È iniziata, presso il palazzo di giustizia di Taranto, la seconda udienza del Tribunale del Riesame riguardante i ricorsi presentati dall’Ilva in contrasto al provvedimento di sequestro degli impianti dell’area a caldo e da difensori degli otto dirigenti ed ex dirigenti agli arresti domiciliari dallo scorso 26 luglio con l’accusa di disastro ambientale doloso.

L’udienza ha aperto i battenti ieri mattina ed è stata aggiornata ad oggi dopo dieci ore di discussione. Stamani sono previsti gli interventi di due legali del collegio difensivo, oltre i quali si attenderà la decisione dei giudici che dovrà essere depositata entro giovedì 9 agosto.

Il governo, intanto, ha dato il via libera alla riqualificazione ambientale dell’Ilva di Taranto con un decreto che sblocca i 336 milioni di euro destinati agli interventi di bonifica del sito, previsti dal protocollo d’intesa siglato lo scorso 26 luglio e messo a punto dalla “task force” capitanata dal ministro dell’Ambiente Corrado Clini.

Si tratta di un decreto che snellisce e semplifica le procedure per fare in modo che gli interventi previsti siano attuati in tempi certi. Il decreto legge del governo è arrivato poche ore dopo che il Cipe aveva deliberato, tra gli interventi di manutenzione straordinaria del territorio, le misure per il risanamento ambientale e la riqualificazione di Taranto, in particolar modo per quanto riguarda il quartiere di Tamburi.

Il ministro Clini aveva annunciato già ieri la possibilità del decreto legge per la bonifica del sito dell’Ilva, definita come una svolta. Clini ha anche appoggiato l’annuncio del presidente dell’Ilva, Ferrante, riguardo la rinuncia al contenzioso col Ministero dell’Ambiente «per cominciare a lavorare insieme agli interventi che servono a risanare l’ambiente».

La notizia del via libera la decreto per l’Ilva, divulgata dal presidente della Regione Nichi Vendola, è stata oggi accolta da un applauso dell’intera assemblea regionale della Puglia. Lo stesso Vendola l’ha definita «una buona notizia. La scelta del governo – ha sottolineato – è stata quella di accogliere il suggerimento che la Regione Puglia, la Provincia e il Comune di Taranto, la deputazione parlamentare avevano avanzato ieri nel corso dell’incontro a Bari con il Ministro Clini».

(Foto: ansa.it)

Stefano Gallone

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews