Aids, Usa: guarita bimba affetta da Hiv dalla nascita

hiv

foto via: yourself.it

Un nuovo passo in avanti nella lotta all’Aids. Un team di ricercatori comunica il primo caso al mondo di “cura funzionale” in un bebè affetto da Hiv e trattato subito dopo la nascita. La scoperta, dicono i ricercatori, può aiutare a spianare la strada verso l’eliminazione dell’infezione da Hiv nei bambini. La virologa del Johns Hopkins Children Center Deborah Persaud ha diretto un team di ricercatori di laboratorio, mentre la specialista in Hiv pediatrico Hannah Gay dell’Università del Mississippi Medical Center ha somministrato la cura al bimbo. Il piccolo che ha raggiunto la remissione dell’infezione da Hiv aveva ricevuto la terapia antiretrovirale entro 30 ore dalla nascita.

I ricercatori sono convinti che la rapida somministrazione del trattamento antivirale abbia curato il bambino, arrestando la formazione dei serbatoi virali, cellule dormienti responsabili della riacutizzazione dell’infezione nella maggior parte dei pazienti poche settimane dopo l’interruzione della terapia. «La terapia antivirale nei neonati, che inizia a pochi giorni di esposizione, può aiutarli a eliminare il virus e a raggiungere una remissione a lungo termine, impedendo così la formazione di nascondigli virali», spiega Persaud. Il bambino può essere considerato “funzionalmente guarito“, una condizione che si verifica quando un paziente raggiunge e mantiene una remissione a lungo termine – in assenza di trattamento per tutta la vita – e i test clinici standard non riescono a rilevare la replicazione virale nel sangue.

A differenza di una cura sterilizzante (una completa eradicazione di tutte le tracce virali dal corpo) la cura funzionale si verifica quando la presenza virale è tanto minima, che rimane “invisibile” ai test standard, ma è ancora rilevabile con metodi ultrasensibili. Il bambino descritto nel lavoro era nato da una mamma affetta da Hiv ed è stato sottoposto a un cocktail antiretrovirale entro 30 ore dalla nascita. Una serie di test hanno mostrato la progressiva diminuzione della presenza virale nel sangue del bambino, fino a raggiungere livelli non rilevabili 29 giorni dopo la nascita.

Il piccolo è rimasto sotto antivirali fino a 18 mesi, prima di interrompere di fatto il trattamento. Dieci mesi dopo lo stop delle cure, il bambino ha subito ripetuti esami del sangue, senza che questi rilevassero la presenza di Hiv. Questo caso particolare, dicono i ricercatori, potrebbe cambiare la prassi medica per i bambini nati da donne sieropositive. «Il nostro prossimo passo è quello di scoprire se questa è una risposta insolita o qualcosa che si può effettivamente replicare in altri neonati ad alto rischio», conclude Persaud.

Alberto Staiz

Foto homepage: affaritaliani.libero.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews