L’agricoltura: la nuova scommessa di Google

Quando la tecnologia incontra l'agricoltura: Google investe su Farmers Business Network per realizzare una rete computerizzata di dati su semi e terreni

agricoltura

Google punta sull’agricoltura (www.skyrobotic.com)

New York – L’agricoltura, questa la nuova scommessa firmata Google. Grazie ad un ingente investimento di ben 15 milioni di dollari, la più grande società del mondo specializzata in servizi online, decide di convogliare le proprie competenze verso nuovi canali di progresso, quali il rendimento dei raccolti, l’andamento delle condizioni climatiche e le pratiche di coltivazione. A ricevere il finanziamento è la Farmers Business Network, start-up di San Francisco (California) lanciata nel gennaio 2014 da un ex programmatore di Google, attualmente impegnata nella realizzazione di una rete computerizzata di dati su semi e terreni. L’obbiettivo è aiutare gli agricoltori ad ottimizzare le coltivazioni, minimizzando i costi.

UNA QUESTIONE DI INFORMAZIONI – Mountain View, quartiere generale di Google, investe sulla Farmers Business Network, con l’unico scopo di coadiuvare e incentivare il lavoro dei coltivatori americani, fornendo loro strumenti agricoli, frutto della tecnologia. La nascente azienda californiana, ha assunto in tale scenario i ruolo di “rivenditore” di conoscenze e consigli circa le modalità di coltura ottimali. E così, al prezzo di 500 dollari all’anno, gli agricoltori ricevono indicazioni su come produrre di più e ridurre gli sprechi nell’uso di fertilizzanti e pesticidi. «I dati sono uno strumento per guidare la prossima ondata di aumento della produttività nell’agricoltura» ha dichiarato Andy Wheeler, partner di Google Venture, che ben presto entrerà a far parte del consiglio di amministrazione della Farmers Business Network.

PER UNA SANA AGRICOLTURA – Per Google non si tratta del primo investimento nel comparto agricolo. La società ha infatti, già scommesso su Impossible Foods, incentrato sulla produzione di burger e formaggi di origine vegetale, e su Granular, sviluppatore di software per la gestione agricola. In armonia con simili progetti, Google riconferma il proprio interesse per il perfezionamento delle attività agricole, rivolto in particolar modo ai campi della Silicon Valley. Con l’aiuto delle scienze informatiche, Google intende proteggere le coltivazioni dall’uso smodato ed altamente deleterio dei pesticidi. «Con piu’ informazioni trasparenti, crediamo ci sia un modo migliore di coltivare», ha commentato Charles Baron, cofondatore e vicepresidente della Farmers Business Network.

Antonietta Mente

@AntoMente

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews