Addio dieta mediterranea, tutta colpa della crisi

I dati della Coldiretti raccontano un radicale calo nell'acquisto di pasta, olio e verdure. La crisi non risparmia neanche la tanto amata dieta mediterranea

dieta mediterraneaGli ultimi dati della Coldiretti parlano di un crollo vertiginoso negli acquisti di alimenti chiave nella dieta più diffusa sul nostro territorio e riconosciuta al mondo come una delle più salutari, la dieta mediterranea. L’analisi sugli acquisti delle famiglie italiane nel primo bimestre dell’anno 2014 vedono un calo rispetto al 2013 nell’acquisto di pasta (-5%), di pesce (-7%), di verdura fresca (-4%) e persino di olio extravergine (-4%).  Un taglio netto dettato purtroppo dalla crisi economica che continua a condizionare lo stile di vita delle famiglie italiane e non solo.

RESISTE IL VINO – A salvarsi ancora sulla tavola delle famiglie italiane resta il vino che non solo non ha visto un calo d’acquisto ma un aumento pari al 3%. Per capire l’importanza di questi ultimi dati raccolti dalla Coldiretti, basti pensare che un calo di questo tipo nell’acquisto dei consumi alimentari da parte degli italiani non si verificava dal 1981. E a farne le spese è anche la “nostra” dieta mediterranea.

CALO DI FRUTTA E VERDURA – Dati che non arrivano però senza preavviso: già nel 2013 infatti erano crollati letteralmente gli acquisti di frutta e verdura  per un totale di circa cento chili di prodotti ortofrutticoli in meno rispetto ai primi anni 2000.

DIETA MEDITERRANEA IN PERICOLO – La dieta mediterranea rappresenta un vanto in tutto il mondo, un regime alimentare capace di rendere più sani grazie al continuo apporto di frutta e verdura durante la giornata, insieme ai benefici dell’olio extravergine e l’importanza dei legumi. Un calo negli acquisti dei prodotti tipici di questa dieta non può che presentare problematiche legate alla salute della popolazione. È proprio il Consiglio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità a lanciare un monito successivo alla visione dei dati della Coldiretti, considerata anche la diminuzione dal 37% al 35% dei bambini e degli adolescenti che consumano frutta e verdura con regolarità a ogni pasto rispetto al 2012.

TUTTI AL DISCOUNT – A controbilanciare i dati preoccupanti riguardo i cibi della dieta mediterranea, ci sono quelli ugualmente preoccupanti dell’aumento dell’acquisto dei cibi  low cost nei discount, superiori del 2,9% in questo inizio 2014.

Gian Piero Bruno

@GianFou

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews