Acquari e zoo più belli del mondo: per ammirare e rispettare la natura

acquari

Tra le tante specie animali ospitate nello zoo di San Diego c’è anche il panda (canaleenergia.com)

Mare, montagna oppure zoo e acquari? Se chiedessimo a un bambino quale tra queste sarebbe la sua vacanza ideale, potremmo facilmente dedurne la risposta. Gli animali sono infatti per tradizione i migliori amici dei bambini. Nel mondo esistono parchi e strutture che accolgono numerose specie capaci di lasciare a bocca aperta persino l’adulto più diffidente. Inoltre, sono mete ideali per trascorrere una vacanza in famiglia, all’insegna dell’educazione ambientale e del rispetto delle biodiversità.

Da San Diego a Vienna, da Roma a Sydney, gli amanti degli animali possono andare alla scoperta di esemplari rari e di cuccioli appena nati, ammirando spettacoli naturali unici al mondo. Lo zoo più antico è quello di Schönbrunn, a Vienna, inaugurato nel lontano 1752. Vi dimorano circa 500 specie di animali ed è famoso per ospitare tra gli altri la casa dei koala, il polarium e l’orangerie, ossia la nuova dimora degli oranghi. Inoltre, lo zoo è reduce da un inverno ricco di nascite, tra cui una cucciola di renna simpaticamente denominata Biancaneve, e un piccolo di tamarino imperatore, scimmia molto rara.

Altro zoo degno di nota è lo ZSL London Zoo, il più antico zoo scientifico del mondo, con 755 specie di animali. Ospita al suo interno il primo acquario mai istituito sulla faccia della terra, e la scorsa primavera ha inaugurato un nuovo spazio, interamente in vetro dedicato alle tigri di Sumatra, dal quale è possibile osservare a distanza ravvicinata questi meravigliosi esemplari.

Continuando il tour europeo degli zoo più belli del pianeta non si può non passare per l’Edimburgh Zoo, in cui si trova la più grande piscina d’Europa per pinguini, ed è famoso per la presenza della mascotte Penny Guin. C’è poi lo Zoologischer Garten di Berlino, anch’esso molto antico (1844). Proprio questa struttura ha ospitato il famoso orso polare Knut, l’orsetto polare che aveva conquistato in poco tempo il cuore di tanti curiosi.

Se poi si vuol provare l’emozione di una “zoo-immersion”, come la chiamano gli spagnoli per identificare una ricostruzione perfetta dell’ambiente naturale, si deve far visita al Bioparc di Valencia: un percorso organizzato in quattro zone – savana, foresta equatoriale, Madagascar e zone umide – che danno la sensazione di avere un pezzo d’Africa in Europa. In tutto ciò, anche l’Italia non se la cava male con lo Zoomarine di Roma, tra i più importanti parchi d’Europa. Tra i “big”  del mondo ci sono invece lo Zoo di San Diego ed il Taronga Zoo di Sydney. Il primo ospita ben 3.700 animali che corrispondono addirittura a 800 specie diverse, tra cui i panda. Il secondo invece offre una vista mozzafiato del porto di Sydney, con spettacoli di animali che intrattengono i visitatori per l’intera giornata.

zoo acquari

L’orsetto Knut è stato per diverso tempo il simbolo dello zoo di Berlino. In tanti hanno pianto per la sua scomparsa (topnotizie.it)

Esistono poi numerosi acquari. Nella top five dei cinque giudicati i più belli del pianeta, in base a struttura e dimensioni, si piazza al primo posto il Southest Asia Acquarium di Sentosa (isola di Singapore), con 60 milioni di litri d’acqua, 10 aree principali, 49 habitat e 100 mila animali marini tra pesci e altre creature di 800 specie diverse. Al secondo posto c’è il Georgia Aquarium di Atlanta, con 120 mila animali marini, seguito dal suggestivo Aquarium del Dubai Mall, l’acquario sospeso più largo al mondo, con una capacità record di 10 milioni di litri d’acqua, 33 mila creature acquatiche e centocinquanta specie uniche.

Al quarto posto c’è l’acquario di Okinawa, con 26 mila creature marine e 740 specie diverse ed ultimo dei cinque più grandi al mondo, ma primo in Europa, con 20 mila pesci ed animali acquatici di 450 specie diverse, il Den Blå Planet (Pianeta Blu) di Copenaghen, inaugurato il 22 marzo 2013. L’italiano acquario di Genova, invece, orgoglio nazionale e terzo in Europa dopo Copenaghen e Valencia, si piazza appena fuori la top ten dei big mondiali.

Parchi zoologici e acquari non stupiscono solo per dimensioni e quantità di specie animali che ospitano, ma si configurano anche come importanti strumenti di conservazione della fauna, come centri di ricerca e di educazione naturalistico-ambientale. In tale ottica, in Italia esiste un’importante associazione culturale senza fini di lucro, l’UIZA (Unione Italiana dei Giardini Zoologici ed Acquari), di cui sono membri tutti gli zoo e acquari italiani che hanno finalità scientifiche ed educative. Per l’associazione l’aspetto educativo è di primaria importanza, tanto che esiste un gruppo di lavoro appositamente costituito e chiamato “Eduzoo”, che attraverso incontri ed iniziative di varia natura, si propone di mettere in atto una serie di strategie che puntano a suscitare interesse nei confronti del mondo naturale, incoraggiando la conoscenza dei problemi relativi alla conservazione della fauna. Così, attraverso metodi di apprendimento basati su un approccio ludico e creativo, Eduzoo si rivolge a grandi e piccini, insegnando il rispetto per la natura.

Cristina Casini

@cristina_casini

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews