A Venezia riaprono gli appartamenti di Sissi

Una delle sale durante il restauro, cominciato nel 2009

VENEZIA – Ritorna stasera in Laguna l’aura malinconica della celebre principessa Elisabetta di Wittelsbach, più nota a tutti come Sissi, grazie all’inaugurazione degli appartamenti Imperiali d’Austria, freschi di restauro. Le nove stanze degli appartamenti che ospitarono (a più riprese) la principessa tra il 1856 e il 1861, ora parte del sistema museale di Piazza San Marco e del percorso di visita del Museo Correr a Venezia, dall’11 luglio saranno finalmente aperte al pubblico, a cui verranno restituiti gli stucchi, gli affreschi, i marmi e i mobili relativi all’Ala Napoleonica delle Procuratie Nuove del Palazzo Reale di Venezia.

L’edificio fu voluto da Napoleone nell’ambito del rinnovamento delle regge europee, e destinato (a partire dal 1816, quando Venezia passa all’Austria) a ospitare imperatori e arciduchi di casa d’Asburgo; il palazzo dal 1866 accoglie i sovrani sabaudi che lì stabiliscono la loro dimora veneziana. Dagli anni Venti del Novecento diviene proprietà del demanio statale, le sale in questione vengono destinate ad uffici, e comincia il degrado, fermato fortunatamente dalla decisione di recuperare e musealizzare quest’area, eccezionale testimonianza storica e artistica. Liberate le stanze e assegnate al Comune di Venezia, il Comité Français pour la Sauvegarde de Venise, in questo caso in collaborazione con la Fondation Napoléon (che dal 2000 interviene per riportare al pieno splendore l’eccezionale edificio) ha finanziato e promosso il restauro iniziato nel 2009 sotto l’egida della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Veneto, Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna e con un intervento finanziario della Fondazione Musei Civici di Venezia. Riemergono i decori di Giuseppe Borsato, gli stucchi, gli ornati di Giovanni Rossi nella toiletta dell’imperatrice: Rossi decorò i soffitti con finissimo marmorino includendo per la prima volta dei microcristalli brillanti. Nel medaglione centrale riconosciamo i tratti della principessa nella celebrazione de La Dea protettrice della Arti; sulla parete è dipinta La toletta di Venerefatta realizzare su richiesta dal cognato Massimiliano, all’epoca vicerè del Lombardo-Veneto, per la bella moglie del fratello. Ovunque fiori policromi tra i quali spiccano mughetti e fiordalisi, ghirlande e motivi intrecciati; agli angoli della stanza aquile in stucco sostengono gli stemmi dei regni di Austria e Baviera. Inoltre nuove tappezzerie, che riproducono quelle originarie, sono appositamente realizzate, donate da Rubelli/Venezia; per rievocare l’atmosfera del tempo sono stati inserito preziosi arredi d’epoca napoleonica chiaramente in stile Impero.

kids468x60

I soffitti con le decorazioni di stucchi bianchi e dorati alternati ad affreschi

Se la storia non aiuta, senz’altro ricordiamo il film dedicato a Sissi, con Romy Schneider, in cui la coppia imperiale giunge a piazza San Marco, accolta malamente dalla folla. Era il 1856, e per quell’occasione gli appartamenti, rimaneggiati già negli anni Trenta per la visita di Ferdinando I, vennero completamente ridecorati, con l’istituzione di un’apposita commissione scientifica responsabile di scenografie, arredi.

E ora possiamo sbirciare a poca distanza, camminando per le sale, come faceva Sissi, la Sala dei pranzi settimanali (con affreschi policromi, marmorini violacei dorati, stucchi e grottesche sulla volta), delle Udienze dell’imperatrice, il suo studio privato, fino alla camera da letto che sfoggia una ricca tappezzeria neo barocca blu e oro chiaro, e il letto da riposo in puro stile impero appartenuto al figliastro di Napoleone, Eugenio Beauharnais, vicerè del breve regno d’Italia creato dal Bonaparte tra il 1806 e il 1814. Tutte stanze che testimoniano l’evoluzione dello stile Impero nel periodo asburgico, con richiami al più morbido e intimo gusto Biedermeier.

Per respirare quell’aria di regalità e recuperare una parte di storia, anche italiana.

Benedetta Rutigliano

Appartamenti Imperiali d’Austria del Palazzo Reale,  dall’11 luglio 2012,

Museo Correr, piazza San Marco 52, Venezia

Orari:10-19.
Informazioni: 0412405211

Ti è piaciuto questo articolo?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews