A scuola arriva il badge anti assenze

Chip che registrano gli orari d’entrata e d’uscita, sms che avvertono i genitori, registri elettronici: ecco come cambia la scuola per rendere dura la vita dei fannulloni

di Marco Fiorilla

490b4d65b9e73_normalDa sempre ogni liceo classico è stato sinonimo di professori ancorati alla tradizione e restii al cambiamento. Studiare lingue morte come greco antico e latino non dava certo l’idea di un luogo innovativo e al passo coi tempi. Ma proprio da un liceo classico romano, l’Aristofane, in zona Tufello, arriva una ventata di innovamento inteso come nuovo modo di pensare il rapporto tra scuola e studente, più vicino a dinamiche lavorative aziendali. I circa 1100 studenti del liceo Aristofane dall’anno prossimo potranno infatti ricevere un badge che registrerà il loro orario d’entrata e d’uscita dalla scuola.

I ragazzi dell’Aristofane posseggono già un chip che registra i ritardi della prima ora e poi permette di stampare il certificato da presentare in classe per essere ammessi nonostante il ritardo. Si tratta quindi di un liceo all’avanguardia che, se riuscirà a recuperare dal proprio bilancio le risorse necessarie, porterà avanti il progetto di rilevazione degli orari di entrata e uscita degli studenti, avvicinandosi sempre più alle logiche del mondo del lavoro.

Ma questo è forse solo l’ultimo escamotage tecnologico adottato per rendere più dura la vita agli studenti fannulloni. Il ciclone Brunetta, infatti, non risparmia la scuola e attualmente si avvale degli SMS per avvertire i genitori delle assenze dei propri figli. Ma non esiste solo questo servizio. Infatti, più di 500 scuole italiane adottano il sistema dei computer palmari con cui gli insegnanti registrano voti e assenze. I genitori, collegandosi a Internet e digitando una password, possono quindi sapere se i figli hanno marinato la scuola, se sono stati interrogati, e che voto hanno preso.

stor_15323400_03400È il sistema del Registro Elettronico 2.0 che offre tutti questi servizi alle famiglie e che contribuisce a snellire molte pratiche amministrative, anche se da questo punto di vista si può fare ancora molto di più. Soprattutto per gli studenti che in questo modo si sentono ipercontrollati e non ricevono nessun servizio aggiuntivo dalle nuove tecnologie applicate alla scuola. Con gli stessi badge e relativi chip si potrebbero infatti avviare altri progetti stavolta miranti a garantire dei servizi agli studenti e non alle famiglie, come avviene in certe Università.

Finora infatti l’hi-tech è venuta in aiuto ai ragazzi solo sotto forma di proiettore che permette di assistere alle videoconferenze. Di benefici ulteriori non se ne vedono, anzi c’è chi parla persino di tornelli e di rilevatori con identificazione a radiofrequenza.

I ragazzi storcono il naso, si chiedono ironicamente se le scuole verranno anche circondate dal filo spinato, ma in realtà pensano già di affidarsi a qualche hacker per poter marinare una volta tanto la scuola.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a A scuola arriva il badge anti assenze

  1. avatar
    Laura Dabbene 22/01/2010 a 10:33

    Ogni norma, soprattutto se restrittiva, è figlia del proprio tempo e dovrebbe rispondere a problemi e necessità reali. Rifletterei su questi interrogativi: i genitori chiedono alla tecnologia aiuto per un controllo sui figli che da soli non sono più in grado di esercitare? i ragazzi vengono sottoposti e regimi di ocntrollo quasi poliziesco perchè non sono più in grado di garantirsi da soli la fiducia della famiglia e degli insegnanti

    Rispondi
  2. avatar
    superfannulloni.it 22/01/2010 a 12:37

    Visto come diventano da grandi (www.superfannulloni.it) è meglio insegnare da piccoli le regole !!!

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews