A Misano è di scena l’Italia che vince: un vero trionfo per Biaggi e Aprilia

Completa la festa tricolore Michel Fabrizio che sale sul podio in gara 2

di Mara Guarino

E’ fuga nel mondiale per il pilota italiano Max Biaggi

Misano Adriatico –  Max Biaggi festeggia il suo compleanno con la quarta vittoria consecutiva: il romano si è infatti reso protagonista di una fantastica doppietta in occasione del Gp di San Marino. Un gran pilota ma anche una grandissima Aprilia che lo stesso Max non può fare a meno di definire “magica”  durante il rito del podio. Il vantaggio su Leon Haslam è adesso di 37 punti: un bottino niente male per quello che, almeno sulla carta, rischiava di essere un weekend di sofferenza per la RSV4. Il doppio successo americano è invece replicata in scioltezza.

GARA 1 – Nonostante i pochi sorpassi nelle posizioni di vertice, la prima manche è comunque intensa, con distacchi contenuti sul traguardo. Troy Corser, che scatta dalla pole, parte bene; al suo inseguimento si mettono subito Max Biaggi e Carlos Checa. Appare evidente che saranno questi 3 i piloti in lotta per la vittoria. A tenersi  fuori dai giochi sono invece Leon Haslam, in apparente difficoltà su questa pista, e Cal Crutchlow, che purtroppo si stende mentre tenta una forsennata rimonta. La situazione si movimenta quando Biaggi decide di mettersi davanti alla BMW di Corser: l’italiano non riesce a dare uno strappo evidente ma mantiene il comando. Il controsorpasso pare imminente ma è Checa a metterci lo zampino a pochi giri dalla conclusione, portandosi in seconda piazza. Le posizioni sono ormai cristallizzate. Onore comunque alla BMW che ha oltretutto conquistato la sua prima storica superpole nelle derivate di serie. Niente male nemmeno gli altri italiani: Fabrizio chiude quarto mentre Scassa è undicesimo. Per lui una gara in recupero dopo una brutta partenza.

BMW raggiunge a Misano un eccellente risultato

GARA 2 – Nella seconda manche del GP sanmarinese è solo Biaggi a ripetersi, anzi a migliorare ulteriormente la sua prestazione: il romano prende il largo verso la metà di gara e taglia il traguardo in assoluta solitudine. Cambiano poi anche gli inseguitori che, questa volta, rispondo al nome di Haslam e Fabrizio. L’inglese vuole il secondo posto per riscattarsi dopo la prestazione non convincente di gara 1 e, soprattutto, limitare i danni in ottica mondiale. Michel decide invece di dare una spolverata alla sua aggressività battagliando con Crutchlow per il terzo gradino del podio. Che lotta! E alla fine sarà proprio l’italiano ad uscirne vincitore, precedendo, oltre al promettente inglese, anche Carlos Checa. L’altro protagonista della prima manche, Corser, chiuderà invece decimo a causa di un lungo nell’ultimo giro. Di nuovo interessante anche la prestazione di Scassa, giunto ottavo.

Prossimo appuntamento tra due settimane a Brno, in Repubblica Ceca.

Foto via

http://farm4.static.flickr.com/3358/4617764137_d83b7aa286_b.jpg

http://www.motoblog.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews