A lavoro? Guardare le foto di cuccioli aiuta a essere più produttivi

immagini cuccioli aumenta produttività

Osservare immagini con cuccioli porterebbe benefici in termini di produttività sul posto di lavoro

L’avvento dei social network ha cambiato in maniera radicale la quotidianità di ciascuno. E se in questi spazi virtuali qualcuno è riuscito a ritrovare vecchi amici o compagni di scuola ricostruendo legami affievoliti negli anni, è vero anche che stare su questi siti nel corso della giornata porta via del tempo prezioso.

Visto il largo uso di queste piattaforme social, alcune aziende hanno deciso di inibirne l’accesso durante l’orario di lavoro, in modo da non compromettere la produttività dei propri dipendenti. Il più usato tra tutti i social networks è senza dubbio Facebook ideato da Mark Zuckerberg, che proprio in questi giorni ha raggiunto il miliardo di utenti. E se Facebook continua a mietere successi, anche se con qualche intoppo in borsa, le menti creative sono sempre al lavoro per crearne dei nuovi e spesso relativi a particolari settori.

Tuttavia se da un lato i datori di lavoro vietano ai propri dipendenti di perdere tempo tra aggiornamenti di stato e condivisione di link, per altro verso i risultati di una ricerca che arriva dal Giappone sembrerebbero smentire questa presa di posizione. Secondo ricercatori della Hiroshima University infatti, stare sui social network, e in particolare condividere e osservare immagini con cuccioli, porterebbe benefici in termini di produttività e avrebbe come risultato anche quello di stimolare addirittura una migliore concentrazione. Le immagini relative a gattini e cagnolini porterebbero in ciascuno una positività tale da comportare un livello di massima efficienza e produttività.

foto animali domestici migliora produttività a lavoro

Come di riferimento per lo studio, il “Kawaii”, termine giapponese che equivale a tenerezza

Per giungere a tali risultati, i ricercatori hanno condotto diversi esperimenti, utilizzando come paramento di riferimento il “Kawaii” termine giapponese che equivale a tenerezza o grazioso. Per questo un gruppo di persone, composto in egual misura da uomini e donne, è stato sottoposto a due diversi tipi di esperimenti.

Nel primo caso, il test aveva lo scopo di verificare destrezza e abilità motorie dei candidati. Tutte le attività dovevano essere però svolte previa visualizzazione di immagini tenere, come appunto quelle di cuccioli di cane o affini. Qui le percentuali di riuscita del test sono apparse sorprendenti, soprattutto se accostate ai risultati ottenuti ricorrendo invece alla visualizzazione di immagini sempre con animali ma già adulti, o addirittura fette di torta come la golosa sacher. Nello specifico dovevano inserire dei piccoli tasselli all’interno di alcuni fori, come nei più classici giochi da tavolo per bambini. Nel secondo esperimento invece, i partecipanti allo studio sono stati sottoposti a degli esami di tipo visivo: anche in questo caso chi aveva visionato le immagini dei cuccioli riusciva a ottenere migliori risultati.

Di conseguenza le cose “Kawaii”, come le hanno definite i ricercatori, influenzano in modo rilevante il nostro comportamento e migliorano attenzione e quindi la produttività soprattutto sul posto di lavoro. Chi beneficerebbe maggiormente? In particolare chi svolge la professione di autista o di impiegato.

Questo studio sembrerebbe confermare anche quanto da tempo anche è affermato dai sostenitori della pet therapy: l’interazione dell’uomo con gli animali migliora la percezione e il modo di approcciarsi anche alle diverse problematiche. Un miglioramento che avviene già a partire dalle immagini.

Angela Piras

Foto: attualita.tuttogratis.it; latina24ore.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews