A Glendale la scuola controllerà i social: e va bene a tutti

social media school (mango-omc.com)

A Glendale (California) la scuola controllerà i social media di tutti gli studenti (mango-omc.com)

Glendale (California) – Che negli Stati Uniti ci fosse una certa passione per il controllo dei movimenti informatici dei cittadini, ormai l’avevamo scoperto. Che questo controllo si estenda anche ben al di là degli enti di sicurezza interna e che raggiunga anche la scuola e gli studenti, è un po’ una novità, anche se non sorprende.

La storia arriva da Glendale, dove il distretto scolastico locale ha stretto un contratto con una società privata che si occupa di sicurezza online: il suo compito sarebbe quello di spiare ciò che gli iscritti alle scuole locali posteranno su Facebook, Twitter, Instagram e Youtube. Poi dovrà riportare all’autoriztà scolastica, con celerità, tutte le informazioni che riterrà importanti per lo svolgimento del suo compito; una sorta di report giornaliero quello che giungerà sulla scrivania del supervisore scolastico, che permetterà di verificare eventuali problemi e porvi rimedio per tempo. In barba alla privacy.
La notizia sta facendo il giro del mondo e, ovviamente, è comparsa anche sulle pagine dei giornali locali.

Il “servizio” riguarderà circa 13.000 studenti, appartenenti ai tre istituti della regione, che ha stretto un accordo con la Hermosa Beach company per l’uso del sistema dal nome Geo listeing; un contratto di controllo dei social media, dal costo di circa 40.000 $ e che consentirà, a sentire la dirigenza, di percepire le grida di aiuto degli studenti.

I genitori, nonostante lo stupore che qui da noi solleva la questione, sono sembrati perlopiù favorevoli all’iniziativa, così come i docenti: « Le persone ci guardano, per sapere se stiamo facendo di tutto per assicurare che i loro figli siano al riparo da pericoli – spiega Richard Sheenham, il supervisore scolastico che guida il distretto di Glendale – Il controllo online è solo un’altra faccia di questa responsabilità».
Tutto sembra allora spiegarsi con i soggetti che verranno maggiormente controllati: « cyber-bullismo, violenza, odio, discriminazione, abuso di droghe, vandalismo», tutti temi scottanti, che negli Stati Uniti hanno anche avuto tragiche conseguenze ed epiloghi mortali.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews