A Firenze tornano gli Europe e “l’è un gran bel concerto”

Gli Europe in "formazione tipo"

«Ciao Firenze, siete un pubblico ganzo»: è bastata questa affermazione, pronunciata da Joey Tempest dopo un primo filotto di cinque canzoni, perché anche gli ultimi scettici si facessero definitivamente coinvolgere dal sound degli Europe, tornati in Italia per una tournée di quattro date.

Un ritorno passato in sordina (o forse snobbato) su media nazionali e locali, che non ha sicuramente scontentato fan vecchi e nuovi di un gruppo che ha fatto, comunque, la storia del rock ma che ha avuto la sfortuna di legare indissolubilmente il proprio nome ad  una hit, The Final Countdown, croce e delizia all’interno di una produzione musicale decisamente più vasta e degna di nota. Una produzione musicale che spazia attraverso generi diversi, dal rock più progressive appartenente al filone scandinavo ad un jazz rude accompagnato da una semplice chitarra, dalle forme più moderne di sperimentazione alla classica ballad strappalacrime anni ’80.

Gli Europe ne escono fin troppo bene e l’espressione a metà strada tra il sorpreso ed il meravigliato degli spettatori ne è la conferma. D’altronde l’esperienza dovrà pur servire a qualcosa e la band ne guadagna in termini di impatto e suono d’insieme (John Norum sembra addirittura più bravo di quando i suoi capelli erano decisamente più cotonati). L’unico bene deperibile di una band è la voce, ma Joey Tempest supplisce tale piccola pecca con qualche falsetto in meno e la solita capacità di tenere il palco.

In due ore di spettacolo gli Europe non si fanno mancare nulla, compresa una sessione completamente acustica e un Happy birthday appena accennato da Tempest e poi cantato dagli spettatori con dedica al bassista John Levén. Ma sono i grandi classici ad infiammare la folla, da Carrie a Rock the night, passando per Superstitious e terminando con The Final Countdown (per la gioia degli spettatori e delle videocamere dei loro cellulari).

Antonio Giordano

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews