A che ora è la fine del mondo? Chiedetelo ai Maya, o forse no – VIDEO

La fine del mondo

La fine del mondo

L’uomo è spesso preda di forti questioni esistenziali. Domande come “Chi siamo? Da dove veniamo?” spesso affliggono l’esistenza di molti. Tra queste se ne aggiunge una: “Ci sarà mai la parola FINE nel mondo?”. In effetti, è dall’alba dei tempi che il mondo si domanda come e quando tutto avrà una fine. Le religioni e le credenze popolari hanno dato varie risposte nel corso degli anni, ma spesso si sono dimostrate errate. Per esempio, secondo alcuni testi ebraici dovrebbe avvenire intorno al 2240. La religione islamica afferma che perfino Maometto era ignaro di tale avvenimento e solo Allah ne era a conoscenza. I testimoni di Geova predissero la fine del mondo per il 2 ottobre del 1914 e, quando non accadde nulla, fecero nuovamente una previsione per il 1925. Per farla breve: dopo ben 5 tentativi falliti, si arresero nel trovare una risposta. Finirà mai il mondo? Esiste una data precisa? 

QUANTE CATASTROFI PREVISTE – La Storia, nel suo susseguirsi di eventi, ci ha mostrato molte profezie e annunci apocalittici che, anche se provenienti da importanti fonti, hanno confermato di essere falsità, calcoli matematici errati perché basati su concetti a noi non facilmente comprensibili, oppure erano semplicemente fonti di speculazione.

Già quando il calendario raggiunse le quattro cifre, iniziarono ad agitarsi gli animi degli uomini. Infatti, l’arrivo dell’anno mille fu preceduto da una lunga serie di eventi tragici: da malattie epidemiche a invasioni barbariche. Alcuni monaci profetizzarono che la fine del mondo avrebbe coinciso con l’arrivo del nuovo millennio. La chiesa però in quei secoli bui ancora condannava il festeggiamento dell’anno nuovo come un rito pagano. Perciò, malgrado la paura, pochi si accorsero che l’anno nuovo era giunto e, con lui, l’inesattezza della profezia.

Nel ’500 un altro pronostico avvenne per mano del celebre Nostradamus. Nelle sue Profezie, egli stabilì che l’umanità sarebbe scomparsa nel 1732, mentre il mondo, ormai abitato solo dalle creature dei mari, avrebbe cessato la sua esistenza nel 1999.

Il diciassettesimo, il diciottesimo e il diciannovesimo secolo furono secoli pieni di matematici, astrologi, quaccheri e religiosi che profetizzarono l’apocalisse: vi risparmiamo l’elenco, troppo lungo e pieno di inesattezze!

Nel 1919, il sismologo italiano Alberto Previde predisse che il 17 dicembre di quell’anno la congiunzione di sei pianeti avrebbe provocato una corrente magnetica che avrebbe trafitto il Sole, provocando un’immane esplosione, distruggendo così la Terra. Il terrore si diffuse e si registrarono scene di suicidi in varie parti del mondo.

Nel 1954 ci fu la compresenza di due fatti. Il 18 maggio comparvero delle crepe sul Colosseo. Secondo un antico adagio, Roma e il mondo sarebbero stati al sicuro «finché il Colosseo fosse rimasto in piedi». Viste le crepe sul monumento, qualcuno calcolò che il mondo sarebbe finito il 24 maggio e migliaia di pellegrini si riversarono in Piazza San Pietro per chiedere al Papa l’assoluzione dai peccati. Invece, secondo l’americano Charles Laughead, il 20 dicembre di quell’anno una flotta di astronavi extraterrestri avrebbe salvato l’umanità da un nuovo DiluvioUniversale. Quando ciò non si verificò, Laughead, per nulla scoraggiato, ringraziò Iddio per la sua infinita misericordia.

Con l’era atomica, arrivarono le credenze che l’uomo sarebbe arrivato a costruire un’arma talmente potente che avrebbe distrutto il mondo intero. Il pediatra Elio Bianco, il 14 luglio del 1960, affermò che l’esercito americano avrebbe scagliato l’arma finale, dalla cui distruzione si sarebbe salvato solo il Monte Bianco. L’unica cosa che fece il medico fu di costruire un’arca sul monte a lui omonimo, seguito da poche famiglie, con una fine deludente.

Con l’arrivo degli anni novanta un predicatore americano, Harold Camping, face la prima delle sue tre profezie apocalittiche: secondo lui, la data giusta era il 21 maggio 1988. Poi ci riprovò: l’ora X sarebbe scattata il 7 settembre del 1994. Niente da fare! Capendo di aver fatto degli errori, rifece i calcoli e l’apocalittico pastore predisse ufficialmente la fine del mondo l’ 11 ottobre del 2011. Ma, anche quella volta, la Terra continuò a girare come un normale pianeta.

Calendario Maya

LA FINE SAREBBE VICINA – Quest’anno è iniziato (e già da molto tempo) un altro conto alla rovescia. Questa volta è il turno dell’apocalisse secondo il calendario Maya, i quali considerano questa data come il passaggio da un’era all’altra attraverso segnali più o meno significativi, ma che non vengono specificati. La gente ha dato un’interpretazione tutt’altro che scettica a ciò. C’è chi vede nella crisi finanziaria un segno significativo; altri asseriscono che il segno sia l’elezione del presidente Obama, poiché Nostradamus (ancora lui!) una volta affermò che con l’arrivo di un “Papa nero” il mondo sarebbe cambiato: intendendo per Papa colui che guida un popolo grande e potente. Questa volta però anche una teoria scientifica si è unita alla moda distopica. Un gruppo di ferventi assertori ritiene che l’immane disastro avverrebbe non per motivi bizzarri o celestiali, ma per una semplice inversione dei poli magnetici: semplice per modo di dire, perché le conseguenze sarebbero catastrofiche tanto da portare al rallentamento della rotazione terrestre e un suo totale blocco per ben tre giorni.

SOLO PROFEZIA? – Come in passato, c’è chi è scettico su quanto accadrà e chi invece si ferma a riflettere. Il fatto che già troppe volte l’uomo abbia creduto a finti santi e a falsi miti in passato, lo ha portato a non credere più a niente. L’arrivo del 21 dicembre, dai media, è usato più come argomento da talk show che strumento di credenza. Nel 2009, ad esempio, il regista Roland Emmerich (che dà, spesso, ai suoi film trame di catastrofica fantascienza) ha diretto un film intitolato proprio 2012, che narra ciò che accadrà, secondo lui, nel fatidico momento. Oppure si possono vedere facilmente in televisione, o su cartelloni pubblicitari, slogan di prodotti che concedono di far pagare il prodotto dopo il dicembre del 2012, dando un tocco di ironia alla cosa. Esistono anche degli imprenditori privati che sfruttano la credenza della gente: in Messico, infatti, undici hotel nella zona di Cancun e della riviera Maya garantiranno per i propri ospiti una notte gratis. Quale? Ovviamente quella del prossimo 21 dicembre.

La fatidica data pian piano si sta avvicinando ma nessuno può sapere se la profezia si avvererà o no. L’espressione più giusta da usare, in situazioni come questa, è una frase che dicevano i nostri antenati per esorcizzare le paure:

«Il mondo s’affina, ma non si fina» (dove fina sta per finisce).

Francesco Fario

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a A che ora è la fine del mondo? Chiedetelo ai Maya, o forse no – VIDEO

  1. avatar
    matteo 01/12/2012 a 13:02

    mi dite dove avete letto per iscritto che i Testimoni di Geova hanno detto date per la “fine” del mondo?.
    non risulta in nessuna pubblicazione da loro stampata.
    avete le prove?
    per ignoranza con pubblicate questi articoli.

    Rispondi
  2. avatar
    FrancescoF 02/12/2012 a 19:10

    Gentile Matteo,
    partendo dal presupposto che il mio tono non voleva essere offensivo, le faccio notare che nell’articolo in questione mi sono limitato a elencare una serie di profezie riguardanti la fine del mondo, appartenenti a religioni o a singole persone che si sono pronunciate a tale riguardo. Rispetto alla sua richiesta di documentazione delle fonti le cito il sito che le allego in link, in cui vengono citate e riportate in originale pagine di riviste come SVEGLIATEVI! e LA TORRE DI GUARDIA, promulgate storicamente dalla religione in questione. In ogni caso il mio articolo era riferito in particolare alla profezia dei Maya, le restanti citazioni servivano esclusivamente da corollario per dimostrare che in ogni epoca e in ogni religione la fine del mondo serve a mettere l’umanità di fronte ai propri limiti.
    Ringraziandola per aver letto l’articolo così attentamente, spero di aver risposto esaurientemente alla sua richiesta.

    Francesco Fario

    http://www.infotdgeova.it/profezie/date.php#_ftn1
    http://www.focus.it/curiosita/focus-on-top-le-5-fini-del-mondo-mai-avverate_C7.aspx

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews