30 euro a chi ospita in casa un migrante, la proposta del Viminale

immigrati_regolari_italia
La proposta è di quelle destinate a far discutere e non poco: 30 euroal giorno per chi ospita un profugo. È la proposta del Viminale per sopperire alla mancanza di alloggi e al gran numero di migranti di cui l’Italia deve farsi carico. Favorevole il sindaco di Roma Marino. Neanche a dirlo, secco no, di Lega e Fratelli d’Italia.

LA PROPOSTA – I centri di accoglienza sono sovraccarichi e non ci sono più posti per i profughi che ogni giorno arrivano dal mare. La proposta del Viminale è quella di dare 30 euro a quelle famiglie che si offriranno di ospitare almeno un profugo in casa. L’idea parte soprattutto per incentivare l’ospitalità verso i bambini che sono, ovviamente, la parte che soffre di più, non solo a livello fisico ma soprattutto psicologico. Dopo un viaggio interminabile si trovano infatti sballottati in centri di accoglienza vari dove, per quanto i volontari possano essere amorevoli, non godono del calore di una famiglia e di una certa stabilità, fondamentale per quell’età.

SI DEL SINDACO MARINO –
Immediato il si del sindaco di Roma Ignazio Marino che ha dichiarato: «abbiamo immaginato che oltre all’affido di minori ci possa essere l’affido alle famiglie anche degli adulti, con una partecipazione economica da parte del governo di 30 euro al giorno per l’ospitalità di un migrante adulto nelle nostre città». La cifra, è stata decisa in virtù della spesa che oggi lo stato sostiene per l’accoglienza, vitto e alloggio di ciascun immigrato, 30 euro, appunto. In sostanza lo Stato non spenderebbe di più di quello che già spende ma si creerebbe, forse, una rete di accoglienza famigliare e una maggior sensibilizzazione all’integrazione sociale. Alle famiglie è chiesto solo di accogliere.

LE PERPLESSITA DI ALFANO, IL NO DELLA DESTRA  – Il ministro degli esteri Alfano non si è espresso, certo il progetto non è semplice ed è assai difficile che riscuota successo nel centrodestra di cui Alfano è portavoce. Mentre Centinaio, capogruppo al senato della Lega parla di un vero e proprio affronto agli italiani, arriva anche il no secco di Giorgia Meloni: «No, perché sono 900 euro al mese. Il doppio di quanto prenda un pensionato minimo, tre volte quanto spetta a un invalido, e più di quanto guadagni la media dei precari italiani. E aggiungo che lo Stato italiano non ti dà 30 euro al giorno per mantenere tuo figlio se è disoccupato e vive ancora in casa con te. Lo Stato italiano, a te, dice che te la devi cavare da solo. La mia proposta è: gli immigrati vengano distribuiti equamente in tutti i ventotto Paesi Ue, e la Ue paghi l’accoglienza».

Serena Prati 
@Se_Prati 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews