125 e Moto2: Terol vince a tavolino; Zarco sfrattato dal podio

 

Paris Hilton festeggia da Leno i successi del suo team (blog.motorcycle.com)

Montmelò, Barcellona – Non è iniziato nel migliore dei modi il quinto appuntamento del motomondiale, approdato in Spagna per il GP di Catalunya. La gara della 125 si conclude infatti con un colpo di scena al parco chiuso: il vincitore Johan Zarco, che avrebbe conquistato qui il suo primo successo in carriera, è stato infatti penalizzato dalla direzione gara per il sorpasso, all’ultima curva, sullo spagnolo Terol. Una manovra splendida, sporcata però nel finale dalla scelta di mantenere volutamente larga la traiettoria, così da costringere il rivale a passare sull’erba.  Nessun gomito alzato, come si era inizialmente temuto, ma tanto è bastato per una punizione estremamente tempestiva, giusta ma forse un po’ troppo severa.

125 -  Gara bella e combattuta quella dell’ottavo di litro, anche se inevitabilmente condizionata dal finale, che ha stravolto la classifica. Nella prima fase, a dominare è Maverick Viñales, osservato speciale di Paris Hilton, presente sul circuito, per seguire da vicino le vicende sportive del suo pupillo dopo la bella gara di Le Mans. Il giovane talento spagnolo non riesce però a mantenere il ritmo e si ritrova costretto, negli ultimi giri, ad assistere alla bagarre tra Terol e Zarco, molto corretta fino all’episodio incriminato. Sotto la bandiera a scacchi, il francese festeggia, il pubblico fischia mentre i vertici avvertono che il primo posto è sotto inchiesta.

La decisione definitiva arriva al parco chiuso, tanto che Zarco, visibilmente contrariato e quasi in lacrime, lo apprende durante la sua intervista con Alberto Porta. Il pilota della Derbi arretra fino alla sesta posizione, mentre un incredulo Folger va ad occupare la terza piazza, alle spalle di Terol e Viñales.

Moto2 - Protagonista indiscusso della gara Marc Marquez che mette in scena una bellissima rimonta fino alla seconda posizione, agevolata però dalle tante cadute nelle posizioni di vertice. La più brutta è certamente quella che ha visto protagonisti Sofuoglu e Simon: il turco ha dapprima tamponato lo spagnolo, causandone il disarcionamento dalla moto, finendo poi con il travolgerlo con il suo mezzo mentre finiva fuori strada. Fortunatamente, nessuna conseguenza grave per Julian Simon, che avrebbe voluto festeggiare davanti al suo pubblico un bel podio.

A gioire è quindi Stefan Bradl, che fa suonare, per la terza volta quest’anno, l’inno tedesco. A podio con lui, insieme a Marquez, anche Aleix Espargarò. Migliore degli italiani Simone Corsi, quarto; non riesce stavolta l’impresa rimonte a Iannone, solo quindicesimo.

Mara Guarino

Foto homepage via: teamaspar.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews