“Peacemaker”: il nuovo album dei Texas Hippie Coalition

I Texas Hippie Coalition sono una realtà musicale ormai consolidata negli Stati Uniti che, dopo alcuni anni di gavetta, comincia a raccogliere numerosi consensi anche in Europa. La loro musica è una perfetta unione di classico e moderno: un mix in parti uguali di Lynyrd Skynyrd e ZZ Top (soprattutto nei riff e nelle liriche), unito alla potenza di band più moderne come la Black Label Society di Zakk Wylde e soprattutto i Pantera, la principale tra le ispirazioni moderne.

Il risultato è un sound potentissimo, spaccaossa, ma con un forte retrogusto classico dal sapore tipicamente sudista: una musica che può essere tranquillamente definibile come southern metal, anche se spesso le definizioni di generi musicali sono semplici parole incapaci di descrivere lo stile di una band e buone solo per recensioni musicali di basso livello. La stessa band definisce la propria come musica come “Red Dirt Metal”, definizione che dice ben poco in termini musicali, ma rende comunque l’idea della violenza musicale dei THC.

Provenienti (come chiaramente espresso dal nome) dal Texas, i THC hanno esordito sul mercato discografico americano nel 2008 con l’ottimo Pride of Texas, per confermarsi due anni più tardi con Rollin’. Finalmente esce la loro terza fatica discografica, intitolata Peacemaker: un ottimo disco che prosegue sulla strada intrapresa dai due precedenti album, senza scendere a compromessi di natura commerciale.

Il granitico riff di Hands Up apre le danze: dalle prime note si capisce come i THC non siano cambiati di una virgola. Il vocione pieno e grasso del mastodontico Big Dad Ritch è sempre lo stesso, pronto a macinare sia urla selvagge che basse note corpose. Damn You to Hell sprigiona ancora più violenza del brano precedente, arrivando a muoversi su coordinate che sfiorano il thrash metal. Con 8 Seconds si torna a macinare sonorità più classiche: un bel riff blues sparato a tutto volume e una ritmica cadenzata ed orecchiabile, condita da un bell’assolo.

Big Dad Rich, voce dei Texas Hippie Coalition (foto via:http://hardrockhideout.com)

Outlaw è costruita su un riffone che gronda blues, sudore, e pesantezza. Un brano che non sfigurerebbe nelle produzioni più recenti dei Lynyrd Skynyrd. Turn it Up torna a pestare il piede sul gas con un riff grasso e potente unito ad un ritornello da stadio, perfetto per un cadenzato headbanging.

Wicked è l’ennesima iniezione di potenti accordi granitici, conditi da un assolo grandioso per intensità e feeling. Don’t Come Looking e una potente semi-ballata sudista, terreno perfetto per il vocione di Big Dad Ritch, in grande spolvero soprattutto durante il grasso ritornello. Sex & Drugs & Rock and Roll è un brano che non ha bisogno di essere commentato. Paw Paw Hill inizia con un giro di chitarra country blues, prima dell’entrata in scena delle distorsioni: un mix perfetto di antico e moderno in grado di far cadere l’intonaco dal soffitto.

La titletrack Peacemaker è un altro brano in perfetto stile THC, mentre la chiusura del disco è affidata a Think of Me, la ballatona dal gusto malinconico che deve essere sempre presente in ogni disco rock che si rispetti.

Peacemaker è un disco di alto livello, granitico e massiccio, e dalla produzione di grande qualità. I Texas Hippie Coalition si confermano come una delle novità più interessanti nel panorama heavy metal statunitense: riff spaccaossa ma dal suono cristallino, un cantato rabbioso e profondo, e brani violenti caratterizzati da un groove che entra in testa con una facilità disarmante. Una band che merita l’attenzione dei fan del rock duro anche qui in Italia: i THC rappresentano una proposta musicale nuova che dimostra come la tradizione del buon heavy metal viene ancora portata avanti con sudore e impegno da molte band.

Alberto Staiz

Foto homepage: carvedrecords.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews