“Con me nessuna donna ha mai finto”. Le ultime parole famose

La celebre scena del film "Harry ti presento Sally" in cui Meg Ryan simula un orgasmo al ristorante.

Roma – Ecco il nostro primo vero appuntamento con la rubrica Nonsolosesso. Oggi, giusto per rompere gli indugi e andare al sodo, parliamo di simulazione, e di certo non del fallo calcistico, anche se un fallo è pur sempre coinvolto.

Ogni uomo è convinto di essere l’Eletto, l’eccezione che conferma la regola, l’amatore dei sogni, insomma ogni uomo è convinto che con lui nessuna donna abbia mai simulato un orgasmo. La situazione, purtroppo per tutti, è ben diversa.

Continui studi e statistiche – pubblicate su giornali e riviste di tutto rispetto – parlano quasi sempre delle stesse cifre: una donna su tre, almeno una volta, ha simulato un orgasmo, oltre al fatto che recenti indagini della Società Italiana di Medicina Generale hanno rivelato che il 30,1% delle donne ha problemi di orgasmo e il 26,9% ha problemi di lubrificazione.

Meno rilevabile statisticamente e scientificamente è il motivo per cui le donne fingono. Insomma è facile capire quali siano le molle che scattano nella mente di noi femminucce: la prima riguarda noi stesse e il sentirci sbagliate o inadeguate o con dentro qualcosa che non va; la seconda riguarda il nostro partner e la paura di ferire il suo “orgoglio maschile”.

Comunque, cari i miei amatori, rassegnatevi ad affrontare questa amara realtà e cercate di aprire gli occhietti e le orecchie e di cogliere i segnali rivelatori.

Quali sono? Beh, semplice! Se siete li che vi dimenate come pazzi cercando di rimettere in scena tutte le pose porno con le definizioni in romanesco che sono stampate sulle fantastiche magliette che i turisti acquistano per le strade della Capitale, ma intanto lei è lì che al massimo conta le mattonelle o i fili di perline della lampada vintage è ovvio che qualcosa non sta andando bene.

Per contro, se a un certo punto le espressioni verbali del suo entusiasmo raggiungono picchi tanto acuti da essere impercettibili all’orecchio umano, molto probabilmente ha fretta di andare a ritirare i vestiti in lavanderia.

Anche se queste regole non sono assolute, perché si sa che ci sono persone molto silenziose e molto rumorose, diciamo che sono i primi segnali da prendere in considerazione.

L’altro segnale da cogliere è il fatto che la vostra donna si addormenti mentre state facendo l’amore o anche durante i preliminari. Tempo fa una conoscente mi raccontò di essersi addormentata mentre lei e il compagno si stavano scambiando effusioni che richiamano un certo numero intorno al settanta tondo. Sebbene la cosa sembri quanto mai bizzarra, bisogna constatare che sia possibile.

Detto questo cari aspiranti stalloni, la sola cosa da fare è respirare e ascoltare il respiro della vostra compagna, controllare la dilatazione della pupilla, i tremiti della pelle, eccetera. Insomma, non è facile capirlo, ma se non siete proprio dei mandrilli impenitenti ed egoisti dovreste riuscirci.

A questo punto però, non posso fare a meno che rivolgermi alle mie care colleghe: ragazze mie, ma perché volete farvi del male? Se il vostro uomo è ottuso fatevene una ragione e siate esplicite. Si, magari in un primo tempo lui ci rimarrà male e voi vi sentirete sbagliate, ma con il passare del tempo, la conoscenza e molta, molta pratica la vostra vita sessuale migliorerà notevolmente.

Se poi l’ottuso in questione l’avete rimorchiato in discoteca, a un party, o in qualsiasi altro posto, ci sono buone probabilità che non dobbiate mai più rivederlo. In questo caso, condom alla mano, cercatene un altro, non si sa mai che tra un mandrillo e un ottuso ci scappi anche un vero uomo senza sindrome del super stallone.

Per suggerimenti, consigli, episodi, idee, contattateci all’indirizzo nonsolosesso@wakeupnews.eu

Lady G.odiva

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

6 Risponde a “Con me nessuna donna ha mai finto”. Le ultime parole famose

  1. avatar
    Groucho 13/05/2011 a 14:35

    Per i problemi di lubrificazione esistono sempre i rimedi “orali”…e poi basta mangiare un pò di peperoncino o comunque piccante prima di andare a letto…Poi per essere sicuri di soddisfare…bisogna chiedere al proprio partner sempre: “Cche posizione gradisce?…vedrete

    Rispondi
    • avatar
      admin 13/05/2011 a 14:53

      Ben detto Groucho… Viva il peperoncino!!!
      Rispettosamente La saluto,
      Lady G.odiva

      Rispondi
  2. avatar
    conny... 13/05/2011 a 16:19

    e siamo sicuri che questi afrodisiaci funzionino davvero???basterebbero solo, forse, comunicazione, empatia, voglia di conoscersi…ma lady g.odiva queste sono cose che potrebbero portare al lato oscuro della forza…per il momento ci accontentiamo di mandrilli e ottusangoli vari….ma senza mai fingere…bisogna pensare a se stesse e fingere ti lascia un pò di amaro in bocca..non vi pare???

    Rispondi
  3. avatar
    Lady G.odiva 13/05/2011 a 19:17

    Cara Conny, il lato oscuro della forza ha sempre il suo fascino, ma bisogna pensarci bene, fino a che il mandrillo di turno non si trasformerà nel Principe Azzurro… Dopo molti, molti, molti baci in svariate parti del corpo! ;)
    Per la questione del fingere, condivido del tutto la tua opinione: fingere causa più danni a noi stesse che al mandrillo in questione!!!
    Con stima…

    Rispondi
  4. avatar
    Veronica 28/05/2011 a 16:19

    Cara Lady G.odiva, visto che ieri mi ha incuriosita il tuo articolo sul fascino discreto del…, ho sfogliato piacevolmente le pagine, approdando qui.
    Scelta tematica decisamente invitante, non c’è che dire.
    Il punto è che la maggior parte degli uomini non sarebbero in grado di dar soddisfazione nemmeno con un libretto di istruzioni ad personam…
    Sarò schietta (con permesso).
    Ragazzi, senza ‘contrazioni’, spiace dirlo, non è possibile che lei sia arrivata al capolinea, nemmeno se la sentite gridare come se la stessero ammazzando.
    In quanto a noi femminucce, dovremmo imparare a lasciarci andare come se fossimo sole, magari guidando lo sventurato nei movimenti e nei gesti.
    Se proprio risultasse difficoltoso, va detto che non l’ha ordinato il medico di ‘venire’ attraverso la penetrazione (Si può dire? Altrimenti cancellate). Si può sempre fare da sè, possibilmente coinvolgendo l’ottusangolo di turno nelle nostre carezze. In questo modo, non ci priveremmo del piacere che ci meritiamo, e lui, con il favore di qualche divinità, potrebbe imparare qualcosa e restituirci la cortesia.

    Un saluto :-)

    Rispondi
  5. avatar
    Anonimo 28/05/2011 a 23:30

    Cara Veronica,
    hai perfettamente ragione sul libretto di istruzioni ad personam…Hihihihi!!!
    Concordo sul tuo punto di vista e l’argomento è già in programma…
    Alla prossima, buon divertimento e buona lettura.
    Un saluto ;-)
    Lady G.odiva

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews