‘Everlusting’: il secondo album degli Scarlet Violet

scarlet violetI rocker Scarlet Violet sono una delle realtà musicali più interessanti partorite negli ultimi anni dalla città di Milano. Formati nel 2005, esordiscono nel 2009 con il primo album intitolato Animated Freaks, seguito dall’ep Roll The Dice (2010), entrambi prodotti dall’etichetta discografica statunitense Sliptrick Records. Finalmente, alla fine dello scorso anno solare gli Scarlet Violet sono tornati con il secondo full length, intitolato Everlusting. Mixato e masterizzato nello Studio Seven in Svezia dal produttore/batterista Ronny Milianowicz (che ha lavorato con nomi del calibro di Saint Deamon, Amon Amarth e Kreator), Everlusting si presenta come una naturale continuazione ed evoluzione del percorso musicale intrapreso dalle prime prove discografiche della band: graffiante e massiccio heavy metal che unisce il gusto catchy del glam anni ’80 con la pesantezza e l’immediatezza del metal più moderno, il tutto condito con un leggero tocco di violenza e “ignoranza” di derivazione punk.

Everlusting è un disco godibile e di facile assimilazione fin dal primo ascolto. Fancy A Nightmare, primo singolo estratto, apre le danze con potenza ed efficacia, con la voce di L.A. graffiante ed incazzata più che mai. Can’t Take Me Back è costruita su un riffone massiccio dal quale si sviluppa una ritmica penetrante e ricca di groove: uno dei brani migliori del lotto. Cut Me Again è un altro brano efficace che entra in testa con facilità, al pari di Fame, orecchiabile ed immediata, con un coretto perfetto per trascinare il pubblico durante le esibizioni live. Di pregio l’assolo di chitarra di Fylo. Heart-Shaped Brain è un’altra iniezione di violenza e groove, mentre Bend Over And Fall è un’ottima ballata dal gusto bluesy che si sviluppa in una seconda parte elettrica e di maggior impatto.

scarlet violet

Fylo, Joey, P.I.Z. e L.A.: gli Scarlet Violet

Behind Enemy Lines si distingue per un grande lavoro ritmico e per l’alternarsi di L.A. e Fylo alla voce. ‘till I Die si costruisce su un gran riff e brilla soprattutto nella seconda metà, un concentrato di pura violenza heavy metal. Stesso discorso valido per la successiva War Cry, il brano più pesante dell’interno album, che strizza l’occhio al sound di band come Black Label Society. Altro ottimo assolo di Fylo e un impatto generale che non lascia indifferenti. Chiude l’album Show Me Your Filth, un altro buon brano diretto e potente che conclude 45 minuti di grande hard rock.

Dieci brani diretti e senza compromessi: un’ottima prova discografica di una band che sa il fatto suo, talentuosa e originale. La graffiante voce di L.A.; il superbo lavoro alle chitarre del talentuoso Fylo; senza dimenticare il preciso e potente lavoro della sezione ritmica composta da P.I.Z. al basso e Joey alla batteria: un mix letale, diretto, godibile e di qualità altissima.

Gli Scarlet Violet hanno già raccolto numerosi consensi all’estero, in particolare nel Nord Europa, e in Giappone. La dimostrazione è il mini tour programmato per il mese di maggio, che li porterà a suonare su diversi palchi della Finlandia. Stupisce però come una rock band del valore degli Scarlet Violet venga sistematicamente ignorata dalla scena rock italiana, che li relega al perenne status di band underground, per lasciare liberi i palchi alle solite band tributo, e alle cover band che lasciano il tempo che trovano. Everlusting è un album diretto, scritto e suonato con il cuore da una band che merita rispetto e attenzione: passione, serietà, grande impegno, e rock di grande qualità sono le caratteristiche principali del progetto musicale che risponde al nome di Scarlet Violet.

Alberto Staiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews